• Cucina Siciliana

    A Santa Lucia si mangia la cuccia (cuccìa)!

    Il 13 dicembre, giorno dedicato a Santa Lucia (283-304), in alcune zone della Sicilia, tradizionalmente, non si mangiano alimenti prodotti con farina di cereali (pasta e pane in primis), ma con cereali interi o con altre farine. Tra gli alimenti più diffusi, insieme alle arancine (o arancini) e alle panelle, vi è la cuccia, una ricetta a base di grano cotto, il cui termine deriva da coccio, ovvero granello o chicco. LA LEGGENDA DI SANTA LUCIA L’usanza di mangiare il grano in questo giorno di festa ha origini molto antiche contese tra Palermo e Siracusa. Secondo una leggenda, nel 1646 una grave carestia mise in ginocchio il popolo siciliano che,…

  • Da vedere

    Il Duomo di Cefalù, una fortezza religiosa

    “Io sono la luce del mondo, chi segue me non vagherà nelle tenebre ma avrà la luce della vita“ Vangelo di Giovanni 8,12 LA COSTRUZIONE DEL DUOMO TRA LEGGENDA E VERITA’ Conosciuto anche con il nome di Basilica Cattedrale della Trasfigurazione, il Duomo di Cefalù, come quasi tutte le opere di inestimabile valore, affonda le sue radici in una leggenda. Si narra che re Ruggero II d’Altavilla, durante un viaggio da Salerno a Palermo, fu colpito da una terribile tempesta e abbia espresso in voto al Signore di erigere una Chiesa nel luogo in cui avesse preso terra sano e salvo con tutto l’equipaggio. In verità le motivazioni della costruzione…

  • Da vedere

    Il Duomo di Monreale…un sogno ad occhi aperti.

    Edificio di immenso valore artistico e culturale il Duomo di Monreale (o Cattedrale di Santa Maria Nuova), costruito tra il 1172 e il 1267, testimonia, solo grazie alla sua grandiosa ricchezza musiva (ben 6340 metri quadrati di mosaici), il fasto e l’importanza della corte di Guglielmo II d’Altavilla, detto il Buono, Re di Sicilia dal 1166 al 1189. DUE LEGGENDE SULLA REALIZZAZIONE DEL DUOMO DI MONREALE Due leggende narrano la realizzazione di questa grande opera architettonica: la prima ha come protagonista Re Guglielmo II che, stanco per una battuta di caccia presso i boschi di Monreale, si addormenta sotto l’ombra di un carrubo e sogna la Madonna che gli rivela…

  • Racconti e Fiabe

    Gugghiermu lu Bonu.

    ‘Na vota cc’era e cc’era un Rignanti ca avía lu duminiu supra di la Sicilia; ssu Rignanti si chiamava Gugghiermu lu Bonu, pirchì era Bonu cu tutti, avía lu cori comu la carta, e a nuddu mai appi a fari lamintari, mancu pri ‘na zicchittata; basta a diri ca fu chiddu ca livau la munita di còriu chi misi lu Gugghiermu lu Malu, pirchì iddu a li populi li vulía beni assai. Dunca, comu stu Gugghiermu lu Bonu era accussì virtuusu, e divotu ca era di la Madonna, la Madonna ‘na jurnata cci vosi fari un ‘mbrâculu ca nun l’avía fattu mai a nuddu; e chi fa? mentri iddu era…