• Filastrocche e Poesie

    LU MIRACULU RI SANTA LUCIA di Claudia Agnello

    Mi rissi me nanna, quann’era nica: “Ora ti cuntu ‘na storia antica”. ‘Ncapu li ammi mi fici assittari e araciu araciu si misi a cuntari: “Ci fu ‘na vota, a Siracusa ‘na caristìa troppu dannusa. Pani ‘un cinn’era e tanti famigghi ‘unn’arriniscìanu a sfamari li figghi. Ma puru ‘mmenzu a la disperazioni nun ci mancava mai la devozioni e addumannavanu a Santa Lucia chi li sarvassi di la caristìa. Un beddu jornu arrivà di luntanu rintra lu portu siracusanu ‘na navi carrica di furmentu a liberalli ri ‘ddu tormentu. Pi li cristiani la gioia fu tanta chi tutti griravanu “viva la Santa!” Picchì fu grazii a la so ‘ntercessioni ch’avìa…

  • Filastrocche e Poesie

    LA MARTURANA di Claudia Agnello

    Pressu ‘na chiesa palarmitana c’era un cummentu Binirittinu chi si chiamava “la Marturana” e pussirìa un granni jardinu, tantu curatu e tantu graziusu chi quannu ‘ntisi stu granni parrari, puru lu viscuvu fu curiusu e si partìu pi ghillu a taliari. Li munacheddi troppu cuntenti vulianu fari ‘na bona fiúra. Sintìti soccu ci rissi la menti p’armallu tuttu di frutta matura. Cu tantu amuri misiru ‘nsemmula chiddu ch’avìanu a disposizioni: zuccaru, acqua e farina di mennula e li ‘mpastaru cu gran devozioni. Forma ci rettiru di aranciteddi, pira, lumiuna e atra frutta matura. Bisogna viriri ch’eranu beddi tutti tinciuti di milli culura. Quannu li misiru na lu jardinu tutti appizzati…

  • Filastrocche e Poesie

    Viva la Coppola

    Signore e signori, col Vostro permesso, trascorsi tant’ anni non so perché adesso, vorrei sfatare una sporca leggenda, un luogo comune, che credo sia immondo. Vorrei “sfiatare” quel pallone gonfiato Che fa innalzare la mongolfiera di chi, volando sulla Terra a me cara, sorvola su tanta gente geniale e passa sopra storie d’amore, storie d’eroi, che uccidono il male… e poi, sulla tomba, lasciano il fiore della preziosa loro giovane vita. Sorvola distratto, senza ammirare Giardini irrigati con il sudore, sorvola artisti, operai, artigiani… e lascia cadere con candide mani, del fango e per giunta non poco, su chi ha in testa un copricapo elegante, pulito, oppur consumato dal tempo,…

  • Filastrocche e Poesie

    Sicilia Luntana di Ignazio Buttitta

    Comu ti chianciu ora ca ti persi Sicilia sfurtunata, ca veniri nun pozzu a vidiri la genti di la me’ terra; e li centu paisi, e li milli jardini, e l’occhi lustri di la picciuttanza; e li facci scavati e nivuri di lu suli di li vecchi jurnateri, e l’occhi funni, e li capiddi scioti di lacrimanti matri sutta nivuri scialli all’antu di li porti c’aspettanu li figghi. Comu ti chianciu terra mia luntana: sbarracu l’occhi e nun ti vidu mai; strinciu li vrazza e nun si cu mia; chiamu, ti chiamu, e mi rispunni sulu l’affannu amaru di ‘stu cori ruttu. Canzuni di picciotti e carrittera pi li stratuna;…