• Folklore

    Caccia al Genio

    Palermo è una città protetta. Sicuramente penserete al mare, alle montagne o alle mura che la circondano. Io però mi riferisco ad altro. Palermo è protetta da diverse entità che l’hanno a cuore, in particolare Santa Rosalia, la Santuzza che protegge Palermo dall’alto di Monte Pellegrino, e il Genio di Palermo, figura mitologica che possiamo trovare in diversi angoli di questa splendida e enigmatica città. Una figura religiosa e una pagana. Due facce della stessa medaglia. Due figure complementari tanto che al grido “Viva Palermo e Santa Rosalia” molti affermano che il primo appellativo della città si riferisca proprio al Genio. Molto sappiamo di Santa Rosalia, ma chi è invece…

  • Folklore

    “U fistinu” di Santa Rosalia, tra religione e folklore

    Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu) è il momento più alto dell’espressione popolare delle tradizioni e del folklore palermitano. Dalla miracolosa processione del 9 giugno 1625 i palermitani, ogni anno, ricordano quell’evento con una sfarzosa festa che inizia il 10 luglio con il corteo per il “rito della cera”, recuperato nel 2019 dopo ben 100 anni, e termina il 15 luglio con la Messa solenne e la processione dell’urna argentea, contenente le reliquie della Santa, per le vie di Palermo. Cinque giorni pieni di eventi tra il sacro e il profano che hanno come momento clou la processione del carro trionfale di giorno 14 luglio. SANTA ROSALIA TRA STORIA…

  • Folklore

    Festa del mandorlo in fiore, festa d’amore e di rinascita

    La festa del mandorlo in fiore è una festa popolare della città di Agrigento, che si ripete ogni anno all’inizio del mese di marzo e dura circa una settimana. Lo scopo è quello di festeggiare l’arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. La manifestazione inizia con una visita, al tramonto, alla Valle dei Templi e continua con l’accensione della “fiaccola dell’amicizia” davanti al Tempio della Concordia. Alla fine i gruppi folkloristici sfilano con i carri siciliani e le bande musicali locali. Questa festa si fa risalire al mito scritto da Omero, che racconta la fioritura del mandorlo. Essa sarebbe collegata alla…

  • Folklore

    Il Carnevale in Sicilia, festa allegorica e carica di significato

    Il Carnevale, festa pagana di antiche origini, si rifà molto probabilmente alle feste ellenistiche ateniesi che si svolgevano in onore di Iside agli inizi di marzo e in onore di Dioniso a fine febbraio. Il termine ha origine dal latino “Carmen levare”, cioè al divieto ecclesiastico di consumare carne durante il periodo di Quaresima. La festa è proprio espressione di spensieratezza e trasgressione per evadere da questo periodo di penitenza e digiuno. In sicilia, dove le origini del carnevale risalgono al 1600, le maschere più famose sono quella dei Jardinara (giardinieri)  e dei Varca, note per lo più nella provincia di Palermo, e quelle dei briganti nel catanese. Come in…

  • Folklore

    Festa di Sant’Agata, la martire venerata da tutti i Siciliani, simbolo della lotta all’oppressore.

    La festa si svolge tutti gli anni dal 3 al 5 febbraio, il 12 febbraio e il 17 agosto. La ricorrenza nei giorni di febbraio è legata al martirio della Santa mentre la data di agosto celebra il ritorno a Catania delle sue spoglie, dopo che esse erano state rubate e portate a Costantinopoli dal generale bizantino Maniace. CHI E’ SANT’AGATA La giovane fanciulla visse nel III secolo. Figlia di una nobile famiglia catanese, sin da piccola consacrò la sua vita alla religione cristiana. Venne però notata dal governatore romano Quinziano che la voleva per sé. La ragazza fuggì a Palermo, nella sua villa al quartiere Giulia ma il governatore…

  • Folklore

    Il Natale in Sicilia

    Chi pensa alle vacanze in Sicilia sicuramente pensa subito all’estate: distese di spiagge dorate e mare cristallino. Ma in realtà nel periodo natalizio quest’isola ha tanto da offrire. Si può scegliere per esempio di trascorrere qualche giorno sulle pendici innevate dell’Etna o di lasciarsi suggestionare dal mare in tempesta durante i giorni più grigi. In ogni città e paese si montano alberi e luci e ci si mette in moto mesi prima per la realizzazione di un bel Presepe. L’arte della creazione del Presepe è molto diffusa in Sicilia, che ne offre molte varianti. Quello più suggestivo è sicuramente quello vivente. Il più famoso si trova a Custonaci, in provincia…

  • Folklore

    La coppola, il copricapo tradizionale siciliano.

    Riconosciuto come elemento distintivo e tradizionale dell’abbigliamento maschile siciliano sin dalla fine del 1800, la coppola è un berretto di panno dotato di una piccola visiera e di una cupola tendenzialmente piatta o a spicchi che adesso, o meglio dalla seconda metà del 1900, viene indossato indistintamente sia da uomini che da donne. “La coppola amico, non fa distinzione e copre i pelati e i capelloni, è un copricapo che non fa differenza copre ignoranza e intelligenza.” Renzino Barbera L’ORIGINE DELLA COPPOLA: INGLESE O ITALIANA? L’origine di tale berretto è dubbia e si basa prevalentemente su due teorie: la prima sostiene che la sua origine sia inglese, la seconda che…

  • Folklore

    Il Tamburello, il ritmo della Sicilia

    Utilizzato per conferire ritmo nella musica popolare e nei repertori tradizionali delle tarantelle del sud Italia, il tamburello o, in siciliano, tammureddu, è uno strumento musicale a percussione a suono indeterminato che ha origini incerte ma sicuramente molto antiche, forse addirittura del II millennio a.C.. LA STRUTTURA E IL SUO UTILIZZO Composto da pochi semplici elementi, una corona di legno sulla quale è tesa una membrana di pelle e in cui sono presenti delle fessure dove sono applicati dei cimbalini (sonaglietti di vario materiale metallico dai 7 e ai 20 cm di diametro), il tamburello riesce, con diverse tecniche manuali, ad ottenere i caratteristici effetti di “tremolo” e “trillo” e…

  • Folklore

    La pigna in ceramica, un dono augurale.

    Presente nella tradizione di molti popoli antichi quale simbolo del divino e dell’immortalità (si vedano per esempio le torri a forma di pigna nelle maestose rovine di Angkor Wat), la pigna assume un forte valore simbolico anche nella tradizione popolare siciliana dove si ritiene sia utile regalare delle pigne da appendere sopra la porta di casa come augurio di salute e buona fortuna alla famiglia che vi abita. Ma la pigna è molto presente anche sui balconi, sui cancelli di antiche ville e giardini popolari, sulle facciate di Chiese e conventi e persino sui troni di re e pontefici, ciò a simboleggiare la materializzazione dell’anima, il ponte tra il terreno…

  • Folklore

    Il carretto siciliano…arte e narrazione in movimento.

    Divenuto ormai un pezzo da museo per il suo forte valore artistico e folkloristico il carretto siciliano  affonda le sue radici soltanto nel XIX secolo e la sua storia è strettamente legata con quella del sistema viario siciliano. CENNI STORICI Fino al 1830, data in cui i governanti borbonici si sono interessati e impegnati nella realizzazione delle “regie trazzere”, strade di grande comunicazione (prima tra tutte quella che collega Palermo a Messina passando per Enna e Catania), tutti i traffici commerciali avvenivano via mare e gli unici carri in circolazione (“strascinu” o “straula”) erano senza ruote e adoperati per trasportare i covoni di grano.  La realizzazione delle “regie trazzere”, caratterizzate…