• Da vedere

    Erice, un’isola nell’isola

    «E l’altro monte, e l’altro monte ei vede, l’Erice azzurro, solo tra il mare e il cielo divinamente apparito, la vetta annunziatrice della Sicilia bella!» Gabriele D’Annunzio, La notte di Caprera, vv 226-229, anno 1904   Dopo una serie di curve tortuose o un giretto panoramico sulla funivia si giunge ad Erice che, dall’alto dei suoi 751 metri, sovrasta l’intera città di Trapani e l’azzurro mare in cui si specchiano le Isole Egadi (Levanzo, Favignana e Marettimo), Castellammare del Golfo e il Monte Cofano. Inoltre, al tramonto, quando il cielo è completamente terso, è possibile intravedere anche la grande perla nera del Mediterraneo, l’Isola di Pantelleria, strano eh?! Beh, tutto…

  • Da vedere

    Il Monastero dei Benedettini, la “Versailles siciliana”

      «Il Mo­na­ste­ro è più bel­lo del­la Reg­gia di Ver­sail­les, ma abi­ta­to da la­sci­vi e pan­ciu­ti mo­na­ci» Patrick Brydone, 1773   Il Monastero di San Nicolò l’Arena (o la Rena dove per rena si intende la sabbia vulcanica presente nel territorio) è un gioiello del tardo barocco siciliano che si trova nel centro storico di Catania. Fondato nel 1558, a causa delle sue trasformazioni, è divenuto un esempio di integrazioni tra le epoche storiche. Trasformazioni che sono dovute anche al verificarsi di diverse calamità naturali. Grazie alla sua estensione (210 x 130 m) è considerato uno dei complessi benedettini tra i più grandi d’Europa.   STORIA DEL MONASTERO, COME UNA…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (III parte)

    Carissimi amici, prosegue il nostro tour all’interno del barocco palermitano. Oggi ci occuperemo di due chiese all’apparenza semplici, per via del loro esterno, ma ricchissime di tesori dentro. Esse sono Santa Caterina d’Alessandria e Santa Chiara. SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA Cenni Storici La chiesa di Santa Caterina d’Alessandria d’Egitto fa parte di un complesso monumentale insieme al convento domenicano e occupa l’area a nord di Corso Vittorio Emanuele, a ovest Piazza Pretoria, a sud Piazza Bellini, in cui ci sono altre due chiese di cui vi parleremo in altri articoli. Grazie a Federico II di Svevia, arriva a Palermo l’Ordine dei frati predicatori. Sotto la direzione di questo ordine viene istituito…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (II parte)

    Cari lettori, continua il nostro tour nel barocco a Palermo. Altre due chiese importanti e ricche di storia e bellezza sono San Domenico e Sant’Anna la Misericordia. CHIESA DI SAN DOMENICO Cenni storici La chiesa di San Domenico è la seconda chiesa di Palermo per importanza dopo la Cattedrale e si trova nell’omonima piazza, nel quartiere La Loggia. Dopo la riconquista dell’isola ad opera di Ruggero d’Altavilla, bisnonno materno del nostro Federico II, scatta l’impulso di cambiare il tessuto sociale. È in questo periodo che vengono costruiti nuovi edifici o che si ingrandiscono e abbelliscono quelli di matrice islamica. Ed è proprio in questo periodo che, tra il 1280 e…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (I parte)

    Carissimi amici, inizia qui l’itinerario barocco per le strade di Palermo e inizieremo proprio con due degli emblemi del barocco in Sicilia, ovvero la Chiesa del Gesù, meglio conosciuta come Casa Professa, e la Chiesa di San Giuseppe dei Teatini. CASA PROFESSA Cenni storici Essa è una delle più importanti chiese barocche di Palermo e di tutta la Sicilia ed è ubicata nel centro storico della città nel mandamento di Palazzo Reale in cui vi sono altre chiese. L’esistenza di un luogo di culto dove sorge l’attuale chiesa è documentata già dall’884, anno in cui viene registrato un convento e un tempio di S. Filippo d’Argirò, fondato dai monaci basiliani. Nel…

  • Da vedere

    Il Chiostro dei Benedettini di Monreale

    “Il meraviglioso chiostro di Monreale suggerisce alla mente una tale sensazione di grazia che ci vorrebbe restare quasi per sempre (…) e chi non l’ha visto non può immaginare cosa sia l’armonia di un colonnato (…) meravigliano lo sguardo, e poi lo affascinano, lo incantano, vi generano quella gioia artistica che le cose di un gusto assoluto fanno penetrare nell’anima attraverso gli occhi.  E ci si meraviglia contemporaneamente, cosa molto rara, dell’effetto mirabile dell’insieme, e della perfezione del particolare. ”  Guy de Maupassant, La via errante (1885) Addossato al lato meridionale del Duomo di Monreale (Cattedrale di Santa Maria Nuova), il meraviglioso Chiostro, appartenente al complesso dell’Abbazia benedettina, è stato realizzato sul…

  • Da vedere

    La Valle dei Templi che dal Grand Tour ai giorni nostri continua a far innamorare i turisti

    La Valle dei Templi è un’area archeologica della Sicilia al cui interno si trovano importanti templi dorici del periodo ellenico. Corrisponde all’antica Akragas, monumentale nucleo originario della città di Agrigento. Dal 1997 l’intera zona è stata inserita nella lista dei Patrimoni dell’Umanità Unesco. E’ il sito archeologico più grande del mondo, con i suoi 1300 ettari di terreno, e ogni anno viene visitato da milioni di  persone. Durante il periodo del Grand Tour, in cui vari scrittori vennero ad ammirare le bellezze della nostra penisola, Goethe, visitando la Sicilia, rimane profondamente affascinato dalla Valle dei Templi e da tutto ciò che vi è attorno. Due sono i passi nel suo…

  • Da vedere

    Cattedrale di Sant’Agata, gioiello del barocco catanese

    La Cattedrale di Catania è dedicata alla vergine e martire Sant’Agata, patrona della città. Esso si trova nel centro storico della città, nel lato sud – est di Piazza del Duomo. CENNI STORICI La chiesa è stata più volte distrutta e riedificata dopo le diverse eruzioni vulcaniche e i vari terremoti che si sono susseguiti nel tempo. La prima struttura risale al periodo 1086 – 1094 e viene realizzata, per volere di re Ruggero d’Altavilla, sulle rovine delle Terme Achilliane (II secolo d.C.). Accanto al prospetto meridionale viene edificato il monastero dell’ordine benedettino. Nel 1693 il terremoto che colpisce la Val di Noto la distrugge quasi del tutto lasciando in…

  • Da vedere

    Petralia Soprana, Borgo dei Borghi 2018

    Carissimi amici, sicuramente avrete saputo che, per la quarta volta, a vincere il titolo nazionale di Borgo dei Borghi 2018, è stato un borgo siciliano ovvero Petralia Soprana, piccolo comune in Provincia di Palermo che fa parte del Parco delle Madonie. Il suo territorio è percorso dal fiume Salso e ricoperto da boschi e dalla famosa Macchia Mediterranea. Già conosciuta come Petra fin dal 254 a.C. , era una delle principali fornitrici di grano dell’Impero romano. E’ durante il Medioevo che passa nelle mani dei Normanni di Ruggero, Conte di Altavilla e viene fondata la vera e propria cittadina che assumerà l’assetto attuale, con il castello, le torri e le…

  • Da vedere

    Santa Lucia, Patrona della meravigliosa Siracusa

    Siracusa, situata sulla costa sud – orientale della Sicilia, ha una storia antichissima in quanto la sua origine risale al 734 -733 a.C. per mano dei Corinzi. Grande città dell’età classica, fu per molto tempo rivale di Atene. Dopo il violento terremoto del 1693 il centro storico della città, chiamato Ortigia, fu interamente ricostruito in stile barocco. Nell’epoca moderna fu una delle grandi tappe principali del Grand Tour Europeo. Dal 2005 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco insieme alla Necropoli rupestre di Pantalica. Patria di artisti, uomini di scienza e filosofi, diede i natali al grande Archimede e a Santa Lucia, il cui martirio avvenne il 13 dicembre del 304,…