• Da vedere

    Il Villino Florio, simbolo del Liberty palermitano

    Cari lettori, oggi vi accompagneremo nel cuore del Liberty palermitano parlandovi del Villino Florio all’Olivuzza, edificio storico sito nei pressi della Zisa. Esso venne costruito per volere della famiglia Florio dall’architetto Ernesto Basile tra il 1899 e il 1902. La struttura è una sintesi di elementi medievali, linee curve, intagli floreali, decorazioni barocche. L’architetto disegnò pure gli interni e i mobili che furono creati dai Ducrot. Un incendio nel 1962 distrusse gran parte dell’interno. Il restauro è terminato infatti da qualche anno. Il Villino è una delle prime opere architettoniche in stile Liberty d’Italia e viene considerato uno dei capolavori dell’Art Nouveau in tutta Europa. Vincenzo Florio era un uomo…

  • Da vedere

    Noto, capitale del barocco

    Cari lettori, oggi vi porteremo con noi a Noto, comune in provincia di Siracusa, diventato Patrimonio UNESCO nel 2002. Noto è sede episcopale ed è definita Capitale del Barocco. Il sito originario della città, Noto antica, si trova sul Monte Alveria, in cui si trovano i primi insediamenti umani che risalgono all’età del bronzo. Nel 1091 Noto fu occupata da Ruggero d’Altavilla. Durante il periodo angioino, nel 1282, la città partecipò all’insurrezione dei Vespri siciliani. L’11 gennaio del 1693 la città fu distrutta da un violento terremoto che colpì tutti i comuni della Val di Noto. Giuseppe Lanza, Duca di Camastra, stabilì di ricostruire la città in altro sito 8…

  • Da vedere

    Marzamemi tra colori, suoni e odori

    Avete mai pensato ad un luogo di pace in cui si fondono storia, bellezza e avanguardia? Se sì, vi portiamo a fare una capatina a Marzamemi. Se no, leggete lo stesso perché alla fine dell’articolo vi verrà voglia di pensarci. Marzamemi è un piccolo borgo marinaro del Comune di Pachino, in Provincia di Siracusa. L’origine del nome deriva probabilmente dall’arabo “marsa” (porto, rada) e “memi” (piccolo). Il borgo nasce attorno ad un piccolo porticciolo è si è trasformato negli anni in porto da pesca, dotandosi anche di una tonnara che è tra le più importanti della Sicilia. La tonnara risale al periodo della dominazione spagnola, sotto il regno di Filippo…

  • Da vedere

    Immergiamoci nell’isola di Ustica, la perla nera del Mediterraneo

    Immersa nelle azzurre acque del Mar Mediterraneo, a pochi km da Palermo, Ustica è un vero paradiso per tutti coloro che amano il mare. In contrasto con l’ azzurro del mare la sua terra è bruna ma ricca di una verde e rigogliosa vegetazione.  Proprio per il colore bruno della sua terra, o meglio delle sue rocce laviche, viene spesso definita “perla nera”. Ustica, in effetti, altro non è che la cima di un vulcano sommerso inattivo da ben 100 mila anni. Allo scopo di proteggere il patrimonio faunistico e ambientale che si nasconde nel mondo sommerso, attorno all’isola, nel 1987, proprio a Ustica è stata istituita la prima Riserva…

  • Da vedere

    Erice, un’isola nell’isola

    «E l’altro monte, e l’altro monte ei vede, l’Erice azzurro, solo tra il mare e il cielo divinamente apparito, la vetta annunziatrice della Sicilia bella!» Gabriele D’Annunzio, La notte di Caprera, vv 226-229, anno 1904   Dopo una serie di curve tortuose o un giretto panoramico sulla funivia si giunge ad Erice che, dall’alto dei suoi 751 metri, sovrasta l’intera città di Trapani e l’azzurro mare in cui si specchiano le Isole Egadi (Levanzo, Favignana e Marettimo), Castellammare del Golfo e il Monte Cofano. Inoltre, se siete fortunati, al tramonto, quando il cielo è completamente terso, è possibile intravedere anche la grande perla nera del Mediterraneo, l’Isola di Pantelleria, strano…

  • Da vedere

    Il Monastero dei Benedettini, la “Versailles siciliana”

      «Il Mo­na­ste­ro è più bel­lo del­la Reg­gia di Ver­sail­les, ma abi­ta­to da la­sci­vi e pan­ciu­ti mo­na­ci» Patrick Brydone, 1773   Il Monastero di San Nicolò l’Arena (o la Rena dove per rena si intende la sabbia vulcanica presente nel territorio) è un gioiello del tardo barocco siciliano che si trova nel centro storico di Catania. Fondato nel 1558, a causa delle sue trasformazioni, è divenuto un esempio di integrazioni tra le epoche storiche. Trasformazioni che sono dovute anche al verificarsi di diverse calamità naturali. Grazie alla sua estensione (210 x 130 m) è considerato uno dei complessi benedettini tra i più grandi d’Europa.   STORIA DEL MONASTERO, COME UNA…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (III parte)

    Carissimi amici, prosegue il nostro tour all’interno del barocco palermitano. Oggi ci occuperemo di due chiese all’apparenza semplici, per via del loro esterno, ma ricchissime di tesori dentro. Esse sono Santa Caterina d’Alessandria e Santa Chiara. SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA Cenni Storici La chiesa di Santa Caterina d’Alessandria d’Egitto fa parte di un complesso monumentale insieme al convento domenicano e occupa l’area a nord di Corso Vittorio Emanuele, a ovest Piazza Pretoria, a sud Piazza Bellini, in cui ci sono altre due chiese di cui vi parleremo in altri articoli. Grazie a Federico II di Svevia, arriva a Palermo l’Ordine dei frati predicatori. Sotto la direzione di questo ordine viene istituito…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (II parte)

    Cari lettori, continua il nostro tour nel barocco a Palermo. Altre due chiese importanti e ricche di storia e bellezza sono San Domenico e Sant’Anna la Misericordia. CHIESA DI SAN DOMENICO Cenni storici La chiesa di San Domenico è la seconda chiesa di Palermo per importanza dopo la Cattedrale e si trova nell’omonima piazza, nel quartiere La Loggia. Dopo la riconquista dell’isola ad opera di Ruggero d’Altavilla, bisnonno materno del nostro Federico II, scatta l’impulso di cambiare il tessuto sociale. È in questo periodo che vengono costruiti nuovi edifici o che si ingrandiscono e abbelliscono quelli di matrice islamica. Ed è proprio in questo periodo che, tra il 1280 e…

  • Da vedere

    Palermo – Itinerario barocco (I parte)

    Carissimi amici, inizia qui l’itinerario barocco per le strade di Palermo e inizieremo proprio con due degli emblemi del barocco in Sicilia, ovvero la Chiesa del Gesù, meglio conosciuta come Casa Professa, e la Chiesa di San Giuseppe dei Teatini. CASA PROFESSA Cenni storici Essa è una delle più importanti chiese barocche di Palermo e di tutta la Sicilia ed è ubicata nel centro storico della città nel mandamento di Palazzo Reale in cui vi sono altre chiese. L’esistenza di un luogo di culto dove sorge l’attuale chiesa è documentata già dall’884, anno in cui viene registrato un convento e un tempio di S. Filippo d’Argirò, fondato dai monaci basiliani. Nel…

  • Da vedere

    Il Chiostro dei Benedettini di Monreale

    “Il meraviglioso chiostro di Monreale suggerisce alla mente una tale sensazione di grazia che ci vorrebbe restare quasi per sempre (…) e chi non l’ha visto non può immaginare cosa sia l’armonia di un colonnato (…) meravigliano lo sguardo, e poi lo affascinano, lo incantano, vi generano quella gioia artistica che le cose di un gusto assoluto fanno penetrare nell’anima attraverso gli occhi.  E ci si meraviglia contemporaneamente, cosa molto rara, dell’effetto mirabile dell’insieme, e della perfezione del particolare. ”  Guy de Maupassant, La via errante (1885) Addossato al lato meridionale del Duomo di Monreale (Cattedrale di Santa Maria Nuova), il meraviglioso Chiostro, appartenente al complesso dell’Abbazia benedettina, è stato realizzato sul…