• Filastrocche e Poesie

    UN SECULU DI STORIA di Ignazio Buttitta In siciliano Traduzione   Accusu i politici d’oggi e d’aeri: Crispi e compagni, pridicatura da monarchia, beccamorti e fallignami ca nchiuvaru a Sicilia viva nta cruci. Accusu i Savoia, i primi e l’ultimu re e imperaturi, fascista e talianu ncurunatu di midagghi scippati cu sangu ndo cori di matri. Un seculu di guerri, un seculu di stragi: c’è ossa di siciliani vrudicati nte diserti, nta nivi, nto fangu di ciumi: c’è sangu di sulfarara, di zappatura, di matri scheletri e picciriddi sparati nte chiazzi da Sicilia. Non hanno vuci e gridanu L’ammazzati du ‘93 chi petri nte sacchetti e la fami nte panzi…

  • Da vedere

    Noto, capitale del barocco

    Cari lettori, oggi vi porteremo con noi a Noto, comune in provincia di Siracusa, diventato Patrimonio UNESCO nel 2002. Noto è sede episcopale ed è definita Capitale del Barocco. Il sito originario della città, Noto antica, si trova sul Monte Alveria, in cui si trovano i primi insediamenti umani che risalgono all’età del bronzo. Nel 1091 Noto fu occupata da Ruggero d’Altavilla. Durante il periodo angioino, nel 1282, la città partecipò all’insurrezione dei Vespri siciliani. L’11 gennaio del 1693 la città fu distrutta da un violento terremoto che colpì tutti i comuni della Val di Noto. Giuseppe Lanza, Duca di Camastra, stabilì di ricostruire la città in altro sito 8…

  • Accadde Oggi

    19 settembre

    19 settembre 1899: nasce a Bagheria il poeta Ignazio Buttitta. LINGUA E DIALETTU (1970) Un populu mittitulu a catina spugghiatulu attuppatici a vucca, è ancora libiru. Livatici u travagghiu u passaportu a tavola unni mancia u lettu unni dormi è ancora riccu. Un populu, diventa poviru e servu quannu ci arribbanu a lingua addutata di patri: è persu pi sempri. Diventa poviru e servu quannu i paroli non figghianu paroli e si manciunu tra d’iddi. Minn’addugnu ora, mentri accordu a chitarra du dialettu ca perdi na corda lu jornu. Mentri arripezzu a tila camulata chi tesseru i nostri avi cu lana di pecuri siciliani e sugnu poviru haiu i dinari…