Accadde Oggi

6 marzo

6 marzo 1740: nasce a Palermo Giovanni Meli, poeta e drammaturgo italiano, celebre per le sue poesie in lingua siciliana.

Qui di seguito la poesia Polifemu 

 

Polifemu era un omu grossu ammàtula
chi cu la testa tuccava li nuvuli,
ed era amanti di certa curàtula,
ch’avia lu cori duru comu rùvuli;
Galatia, duci chiù di na nacàtula,
chi senz’isca, carvuni, e senza prùvuli,
c’infusi arduri accussì forti e strànii,
chi lu furzau a sdari ntra li smanii.
Chiù non ci spércia jiri a la putia
unni lu mastru so zoppu Vulcanu,
pri ddà fari, di l’àutri in compagnia,
li fulmini chi Giovi teni in manu.
Né chiù ci piaci, comu ci piacia,
fari di crapi e boi lu guardianu,
da comu un vacabunnu mariolu
scurri e lu sceccu fa ‘ntra lu linzolu.A guardàrilu era cosa d’allucchiri,
accussì grossu, grassu e smisuratu;
chi pri vastuni si sulia sirviri
d’un àrvulu di pignu arrimunnatu;
usari non sulìa nuddu vistiri,
ca di pila era tuttu cummigghiatu;
ed ognunu di chisti di grussizza
era quantu un caddozzu di sosizza.Comu un tirrenu chinu di pirreri
avia la facci crafogghi crafogghi;
pirchì appi li valori accussì feri
chi si ‘un tinìanu forti li cunocchi
li Parchi, iddu muria comu un sumeri;
avia un occhiu, chi jeva pri cent’occhi,
ch’era, dici un auturi di giudiziu,
quantu lu ròggiu di lu Sant’Uffiziu.Era lu nasu quantu un bastiuni,
ch’avia corvi pri muschi cavaddini;
la vucca chi capeva ‘ntra un muccuni
lu gran cunventu di li Cappuccini;
avia ancora pri oricchi dui gruttuni,
nida di cucchi e d’oceddi rapini;
avia vòscura ‘ntesta pri capiddi
ca addànii, e porci spini, e vulpi e griddi.

D’un chiuppu sbacantatu s’avia fattu
all’usu campagnolu un friscalettu,
chi sunannu lu jia di trattu in trattu
sirvénnucci pri sfogu e pridilettu;
parrava sulu sulu comu un mattu,
cuntava a li grutti lu so affettu;
li quali allammicannu a stizza a stizza,
chi chiancìanu, cridia, pri tinnirizza.

Polifemo era un uomo grosso invano
che con la testa toccava le nuvole.
ed era amante di certa massara,
che aveva il cuore duro come rovere;
Galatea, dolce più d’un pasticciotto,
che senz’esca, carbone, e senza polvere,
gl’infuse ardori così forti e strani,
che forzò a dare in ismanie.
Più non si cura di andare alla bottega
dal maestro suo zoppo Vulcano,
per fare lì, degli altri in compagnia,
i fulmini che Giove tiene in mano.
Né più gli piace, come gli piaceva,
far di capre e buoi il guardiano,
e come un vagabondo fannullone
scorazza e fa l’asino nel lenzuolo.A guardarlo era cosa da intontire,
così grosso, grasso e smisurato;
che per bastone si solea servire
d’un albero di pino rimondato;
usare non solea nessun vestire,
ché di peli era tutto ricoperto;
e ognun di questi di grossezza
era quanto un nodo di salsiccia.Come un terreno cosparso di pietre
avea la faccia butteri butteri;
perché prese il vaiolo sì forte
che se non tenevano forte le conocchie
le Parche, sarebbe morto come un somaro;
avea un occhio, che valeva per cent’occhi,
ed era, dice un autore di giudizio,
quanto l’orologio del Sant’Uffizio.Era il naso quanto un bastione,
che avea corvi per mosche cavalline;
la bocca vi entrava in un sol boccone
il gran convento dei Cappuccini;
aveva ancora per orecchie due grandi grotte,
nidi di cucchi e di uccelli rapaci;
avea boschi in testa per capelli
con daini, e porci spini, e volpi e grilli.

D’un pioppo svuotato s’era fatto
all’uso campagnolo uno zufolo,
e suonando l’andava di tratto in tratto
servendogli per sfogo e per diletto;
parlava solo solo come un matto,
e raccontava alle grotte il suo affetto;
le quali gocciolando stilla a stilla,
che piangessero, credeva, per tenerezza.

Marianna

Vive a Palermo. Appassionata di fotografia, di lettura e di ogni forma d'arte (o quasi). Innamorata della Sicilia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sul cibo all'interno della letteratura e dei menu siciliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *