Da vedere

Petralia Soprana, Borgo dei Borghi 2018

Carissimi amici,

sicuramente avrete saputo che, per la quarta volta, a vincere il titolo nazionale di Borgo dei Borghi 2018, è stato un borgo siciliano ovvero Petralia Soprana, piccolo comune in Provincia di Palermo che fa parte del Parco delle Madonie.

Petralia Soprana, foto di Andrea Bonomolo

Il suo territorio è percorso dal fiume Salso e ricoperto da boschi e dalla famosa Macchia Mediterranea. Già conosciuta come Petra fin dal 254 a.C. , era una delle principali fornitrici di grano dell’Impero romano.

E’ durante il Medioevo che passa nelle mani dei Normanni di Ruggero, Conte di Altavilla e viene fondata la vera e propria cittadina che assumerà l’assetto attuale, con il castello, le torri e le chiese. Nel 1258 entrò a far parte dei possedimenti dei Ventimiglia, dei Moncada e infine degli Alvarez di Toledo fino al 1817, anno dell’abolizione della feudalità.

LUOGHI DI INTERESSE

Tanti e particolari i luoghi di interesse storico e culturale tra cui la Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (patroni della città) che è la Chiesa Madre e si affaccia su Piazza Duomo. Essa ha una pianta a croce latina e tre navate e nella facciata ha due campanili, uno del ‘400 e l’altro del ‘700, collegati tra loro da un portico di diciotto colonne create dai fratelli Serpotta.

Un’altra chiesa importante è quella di Santa Maria di Loreto, in origine una fortezza, trasformata in luogo di culto dai Carmelitani Scalzi e rifatta nel XVIII secolo con pianta a croce greca e la facciata barocca con le sculture dei Serpotta.

La piazza più importante è Piazza del Popolo in cui al centro si trova un monumento in bronzo di Antonio Ugo, dedicato ai caduti di tutte le guerre e in cui si affacciano diversi antichi palazzi, tra cui quello del Municipio.

Francesca

Vive a Palermo. Appassionata di lettura e scrittura e innamorata della Sicilia e di ogni suo piccolo angolo. Laureata in Scienze turistiche con una tesi su come il turismo in Sicilia sia stato influenzato dai mass media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *