Filastrocche e Poesie

LA MARTURANA di Claudia Agnello

Pressu ‘na chiesa palarmitana
c’era un cummentu Binirittinu
chi si chiamava “la Marturana”
e pussirìa un granni jardinu,
tantu curatu e tantu graziusu
chi quannu ‘ntisi stu granni parrari,
puru lu viscuvu fu curiusu
e si partìu pi ghillu a taliari.
Li munacheddi troppu cuntenti
vulianu fari ‘na bona fiúra.
Sintìti soccu ci rissi la menti
p’armallu tuttu di frutta matura.
Cu tantu amuri misiru ‘nsemmula
chiddu ch’avìanu a disposizioni:
zuccaru, acqua e farina di mennula
e li ‘mpastaru cu gran devozioni.
Forma ci rettiru di aranciteddi,
pira, lumiuna e atra frutta matura.
Bisogna viriri ch’eranu beddi
tutti tinciuti di milli culura.
Quannu li misiru na lu jardinu
tutti appizzati ‘ntall’arvulicchi
addivintàu un postu divinu
tuttu adornatu di cosi biddicchi.
Fora li mura di lu cummentu
‘ntempu ri nenti si spargìu la vuci.
Li munacheddi ‘un avìanu chiù abbentu.
Tutti vulianu ddi cusuzzi duci.
Quannu lu re la vosi sazzari
sta frutta bedda e senza rivali,
di manciarisilla ‘un putìa lintari,
e fu chiamata pasta reali.
Na li panàri vinìa ‘mpustata
pi regalalla a li chiù nicareddi
e sicci ricìa chi era mannata
direttamenti di li murticeddi.
Era lu tempu di li Normanni
quannu nascìu sta tradizioni.
Hannu passatu tanti e tant’anni
e appimu atri dominazioni.
Ma di st’usanza accussì luntana
‘un ninni pottimu dispisari,
picchì la frutta di Marturana
a tutti nichi ni fa turnari.

Claudia Agnello

Marianna

Vive a Palermo. Appassionata di fotografia, di lettura e di ogni forma d'arte (o quasi). Innamorata della Sicilia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sul cibo all'interno della letteratura e dei menu siciliani.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *