Racconti e Fiabe

Li Diavuli di la Zisa.

Hannu a sapiri ca ‘n Palermu cc’è un gran Palazzu ch’è comu un Casteddu e si chiama di la Zisa. A sta Zisa cc’è ‘na ‘ntrata ch’è fatta d’oru e appitturata vera galanti, e ‘nta la menzu ‘na funtana di màrmura ca cci scoppa un’acqua pulita e frisca ca veni lu cori, e ‘nta st’acqua s’arròzzulanu pizzudda d’oru e d’argentu. Ora ddocu, ‘nta sta Zisa, cc’è lu ‘ncantisimu, e cc’è un bancu di munita d’oru, la cchiù granni chi mai (ma no quantu lu bancu di Ddisisa), e lu tennu ‘ncantatu li Diàvuli, pirchì nun vonnu chi si lu pigghiassiru li cristiani; pirchì lor signuri hannu a sapiri ca stu Palazzu fu fattu a tempi di li pagani e cci tinìanu ammusati li tisori di lu ‘Mperaturi. Ora ‘nta l’arcu di sta bella ‘ntrata di la Zisa cci sunnu pinciuti li diavuli; cu’ va a talialli la jornu di la Nunziata, li vidi chi si movinu li cudi, torcinu li mussa, e nun si fida di cuntalli mai; chissu è pri addimustrari ca mancu si ponnu cuntari li dinari ‘ncantati, tantu su’ assai, e mancu si ponnu sbancari. Ma un jornu lu rimediu pri sbancalli s’havi a truvari, e allura finiscinu tutti li puvirtà di Palermu.

Giuseppe Pitrè, Fiabe novelle e racconti popolari siciliani – Vol. IV

Marianna

Vive a Palermo. Appassionata di fotografia, di lettura e di ogni forma d'arte (o quasi). Innamorata della Sicilia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sul cibo all'interno della letteratura e dei menu siciliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *