Cucina Siciliana

Pasta alla Norma, un’Opera catanese

Ognuno di noi ha mangiato, almeno una volta, la pasta alla Norma, famoso primo piatto a base di melanzane. Anche questo tra i piatti poveri, vanta una storica tradizione siciliana in quanto la ricetta venne realizzata a Catania in omaggio alla Norma, nota opera del compositore Vincenzo Bellini.

E’ un piatto prettamente mediterraneo e anche molto estivo (anche se, personalmente, quando trovo le melanzane buone lo preparo anche in inverno). Gli ingredienti sono molto semplici: pomodoro fresco, melanzane fritte, foglie di basilico e una spolverata di ricotta salata a fine cottura.

PREPARAZIONE

Tagliate le melanzane a cubetti, cospargetele di sale grosso e mettetele in acqua fredda per qualche ora. Scaldate dell’olio con uno spicchio d’aglio in una padella e aggiungetevi i pomodori a pezzi (in alternativa si può usare un passato di pomodoro). Lasciate cuocere i pomodori per circa venti minuti dopo i quali si saranno ammorbiditi e potrete passarli con un passapomodoro o frullarli. Rimettete il sugo in padella e lasciate cuocere per altri dieci minuti. Nel frattempo sciacquate le melanzane, asciugatele con uno strofinaccio e iniziate a friggerle con olio d’oliva. Mettete sul fuoco la pentola per la pasta e aggiungete le melanzane fritte nel sugo. Un paio di minuti prima della cottura completa, scolate la pasta e unitela nella padella con il sugo e le melanzane dove finirà di cuocere. Servite la pasta calda con la spolverata di ricotta sopra.

Buon appetito!

 

Camilleri, Il ladro di merendine: “«Pina, la cammarera, è un’ottima cuoca, mi creda. Oggi ha preparato pasta alla Norma, sa, quella con le milanzane fritte e la ricotta salata». «Gesù!» fece Montalbano assittandosi.”.

Francesca

Curiosità:

Sembra che il battesimo di questa meravigliosa ricetta, cardine della cucina siciliana, abbia avuto luogo lo stesso giorno del battesimo dell’opera del compositore Vincenzo Bellini.

Francesca

Vive a Palermo. Appassionata di lettura e scrittura e innamorata della Sicilia e di ogni suo piccolo angolo. Laureata in Scienze turistiche con una tesi su come il turismo in Sicilia sia stato influenzato dai mass media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *