Folklore

I Pupi siciliani, una tradizione Patrimonio UNESCO

Una delle più antiche modalità di intrattenimento popolare e non è senza dubbio l’Opera dei Pupi.

I Pupi, per chi non li conoscesse già, sono simili alle marionette anche se c’è una sottile differenza tra essi: la marionetta viene mossa dall’alto tramite dei fili mentre il pupo è mosso anch’esso dall’alto ma al posto dei fili ha due finissime aste in metallo.

L’OPERA DEI PUPI

L’Opera dei Pupi consiste nel rappresentare personaggi ed eventi tratti dall’ Iliade, dalla Bibbia, dalla Chanson de Roland e in generale dai romanzi epici di epoca cavalleresca che trattano temi come l’eroismo, l’amore, la gelosia, il coraggio, la lotta dei Cristiani contro i Saraceni.

Ma dove ha origine questo tipo di intrattenimento? Si pensa che questo tipo di tradizione sia arrivata nella nostra isola con i Normanni, nel XII secolo anche se, l’Opera dei Pupi come la conosciamo oggi, risale al XIX secolo.

TIPOLOGIE DI PUPI

Siamo in Sicilia, terra ricca di varietà regionali e, quindi, anche qui troviamo delle sostanziali differenze tra la cultura dei pupi della parte occidentale e quella della parte orientale.

I pupi catanesi sono più alti rispetto a quelli palermitani, vengono mossi dall’alto e hanno la spada sempre in mano, quelli palermitani sono mossi dai lati della scena e sono in grado di poter tirare fuori la spada dalla custodia durante la rappresentazione.

La più ricca collezione di pupi si trova al Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, a Palermo.

Dal 2008 l’Opera dei Pupi fa parte dei Patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità.

Francesca

Ph Marianna

Orlando
Rinaldo
Museo Internazionale delle marionette Antonio Pasqualino ( Piazzetta Antonio Pasqualino 5, trav di Via Butera)
Orari visite: Domenica e Lunedì dalle 10:00 alle 14:00
Da Martedì a Sabato dalle 10:00 alle 18:00
Chiuso nei giorni festivi
Ticket: 5,00 euro (intero)
3,00 euro (ridotto dai 4 ai 25 anni)

Per assistere ad uno spettacolo dell’opera dei Pupi vi consigliamo l’Associazione Figli d’Arte Cuticchio in Palermo e i Fratelli Napoli in Catania.

Francesca

Vive a Palermo. Appassionata di lettura e scrittura e innamorata della Sicilia e di ogni suo piccolo angolo. Laureata in Scienze turistiche con una tesi su come il turismo in Sicilia sia stato influenzato dai mass media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *