Cucina Siciliana

Quella siciliana? La granita per eccellenza!

Chi vive in Sicilia o chi ci ha già trascorso l’estate, lo sa. In questo periodo il sole picchia forte e le temperature sono quasi da deserto. Quindi cosa si fa per rinfrescarsi un pochino? Ci si butta su una bella granita!

CENNI STORICI 

La granita è un dolce che affonda le sue radici nella dominazione araba e che inizialmente veniva preparata mediante la raccolta e la conservazione della neve dell’Etna in apposite costruzioni in pietra, le neviere.

Durante i mesi caldi il ghiaccio veniva prelevato per poi essere grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori. Tale preparazione veniva chiamata “rattata” (grattata) da cui il termine “grattatella”, con cui è anche conosciuta.

DIVERSE VARIANTI DAL MONDO ARABO

Agli Arabi si deve la “scursunera”, una particolare granita al gelsomino e cannella e sempre loro portarono con sé la ricetta dello Sherbet, bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose.

DIFFERENZA TRA LA SICILIA ORIENTALE E LA SICILIA OCCIDENTALE 

Nella Sicilia orientale, e quindi a Catania, Messina, Ragusa e Siracusa, la granita ha una consistenza semi-liquida e viene servita accompagnata da una brioche “col tuppo” spesso al sapore di arancia. Invece, nella Sicilia occidentale, ovvero nel palermitano e nel trapanese, la granita ha una consistenza più solida che si avvicina alla vera e propria grattatella.

Anche il grande Camilleri cita sua maestà la granita in Il cane di terracotta: C’era la granita di limone che la cammarera gli preparava secondo la formula uno, due, quattro: un bicchiere di succo di limone, due di zucchero, quattro d’acqua. Da leccarsi le dita.

Marianna e Francesca

(In parte tratto dalla Tesi di Laurea di Marianna)

 

Ph Marianna

Francesca

Vive a Palermo. Appassionata di lettura e scrittura e innamorata della Sicilia e di ogni suo piccolo angolo. Laureata in Scienze turistiche con una tesi su come il turismo in Sicilia sia stato influenzato dai mass media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *